Circolare n. 04-2021 finanza agevolata

Di seguito viene riportata una sintesi dei principali strumenti in tema di finanza agevolata e bandi ad oggi in essere che possono interessare diverse realtà aziendali.

Lo Studio rimane a disposizione per ogni utile chiarimento e confronto fra le varie soluzioni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MARCHI+ 2021

Agevolazioni per la registrazione di marchi

BENEFICIARI

Sono le MICRO, PICCOLE E MEDIE imprese con sede legale e operativa in Italia, iscritte al registro imprese e attive.

MISURE AGEVOLATIVE

– Misura A – Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi dell’Unione europea presso EUIPO

(Ufficio dell’Unione europea per la Proprietà Intellettuale) attraverso l’acquisto di servizi specialistici; – Misura B – Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi internazionali presso OMPI (Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale) attraverso l’acquisto di servizi specialistici. Requisiti:

• per la Misura A:

  • aver effettuato, a decorrere dal 1° giugno 2018, il deposito della domanda di registrazione presso EUIPO del marchio oggetto dell’agevolazione e aver ottemperato al pagamento delle relative tasse di deposito;
  • aver ottenuto la registrazione, presso EUIPO, del marchio dell’Unione europea oggetto di agevolazione, in data antecedente la presentazione della domanda di agevolazione;

• per la Misura B:

  • aver effettuato, a decorrere dal 1° giugno 2018, almeno una delle seguenti attività:
    • il deposito della domanda di registrazione presso OMPI di un marchio registrato a livello nazionale presso UIBM o di un marchio dell’Unione europea registrato presso EUIPO e aver ottemperato al pagamento delle relative tasse di registrazione;
    • il deposito della domanda di registrazione presso OMPI di un marchio per il quale è già stata depositata domanda di registrazione presso UIBM o presso EUIPO e aver ottemperato al pagamento delle relative tasse di registrazione;
    • il deposito della domanda di designazione successiva di un marchio registrato presso OMPI e aver ottemperato al pagamento delle relative tasse di registrazione;
  • aver ottenuto la pubblicazione della domanda di agevolazione sul registro internazionale dell’OMPI (Madrid Monitor) del marchio oggetto di agevolazione in data antecedente la presentazione della domanda di agevolazione.

SPESE AMMESSE

  • Progettazione della rappresentazione
  • Assistenza per il deposito – Ricerche di anteriorità
  • Assistenza legale per azioni di tutela del marchio in risposta ad opposizioni seguenti al deposito della domanda di registrazione – Tasse di deposito.

AGEVOLAZIONI (de minimis)

MISURA A): 50% delle tasse di deposito e dell’80% delle spese per servizi specialistici entro l’importo massimo complessivo per marchio di € 6.000,00.

MISURA B): 80% (90% per Usa o Cina) delle tasse di deposito e dei servizi specialistici entro l’importo massimo complessivo per marchio di € 8.000,00

Per la misura B, per le domande di registrazione internazionale depositate prima del 1° giugno 2018 è possibile richiedere agevolazioni esclusivamente per le designazioni successive effettuate dopo il 1° giugno 2018; in tal caso l’importo massimo delle agevolazioni per marchio è di € 3.000,00. Ciascuna impresa può presentare più richieste di agevolazione, sia per la Misura A sia per la Misura B, fino al raggiungimento del valore complessivo di € 20.000,00 (de minimis).

Presentazione delle domande: dalle ore 9:30 del 19/10/2021 e sino all’esaurimento delle risorse disponibili.

 

DISEGNI+ 2021

Agevolazioni per la valorizzazione dei disegni e modelli

BENEFICIARI

Il bando riservato alle PMI con sede legale e operativa in Italia che sono titolari dei disegni/modelli registrati (come definito dall’art. 31 del Codice della Proprietà Industriale) a decorrere dal 1° gennaio 2019 e comunque in data antecedente la richiesta di agevolazione ed essere in corso di validità.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti spese, sostenute successivamente alla data di registrazione del disegno/modello e in ogni caso non antecedenti al 23/07/21, per l’acquisizione di servizi specialistici esterni volti alla valorizzazione di un disegno/modello per la sua messa in produzione e/o per la sua offerta sul mercato:

  1. ricerca sull’utilizzo di materiali innovativi;
  2. realizzazione di prototipi;
  3. realizzazione di stampi;
  4. consulenza tecnica per la catena produttiva finalizzata alla messa in produzione del prodotto/disegno;
  5. consulenza tecnica per certificazioni di prodotto o di sostenibilità ambientale;
  6. consulenza specializzata nell’approccio al mercato (es. business plan, piano di marketing, analisi del mercato, progettazione layout grafici e testi per materiale di comunicazione offline e online) e per la valutazione tecnico-economica del disegno/modello;
  7. consulenza legale per la tutela da azioni di contraffazione (azioni legali relative a casi concreti).

AGEVOLAZIONE (de minimis)

Contributo in conto capitale fino all’80% delle spese ammissibili, per un contributo massimo pari a 60.000,00 €.

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE: a partire dalle ore 9:30 del 12/10/2021.

 

BREVETTI + 2021 Agevolazioni per la valorizzazione economica dei brevetti SOGGETTI BENEFICIARI

Possono presentare domanda di accesso alle agevolazioni le PMI, anche di nuova costituzione, aventi sede legale ed operativa in Italia, che si trovino in una delle seguenti condizioni:

  1. siano titolari di un brevetto per invenzione industriale concesso in Italia successivamente al

01/01/17 ovvero titolari di una licenza esclusiva trascritta all’UIBM di un brevetto per invenzione industriale concesso in Italia successivamente al 01/01/2017. In entrambi i casi i brevetti devono essere in regola con i pagamenti delle tasse di mantenimento in vita.

  1. siano titolari di una domanda nazionale di brevetto per invenzione industriale depositata successivamente al 01/01/17 con un rapporto di ricerca con esito “non negativo”;
  2. siano titolari di una domanda di brevetto europeo o di una domanda internazionale di brevetto depositata successivamente al 01/01/17, con il relativo rapporto di ricerca con esito “non negativo”, che rivendichi la priorità di una precedente domanda nazionale di brevetto.

SPESE AMMISSIBILI

Il contributo è finalizzato all’acquisto di servizi specialistici strettamente connessi alla valorizzazione economica del brevetto e funzionali alla sua introduzione nel processo produttivo ed organizzativo dell’impresa. Sono ammissibili i costi dei seguenti servizi: Macroarea A. Progettazione, ingegnerizzazione e industrializzazione Sotto-servizi:

  • studio di fattibilità (specifiche tecniche con relativi elaborati, individuazione materiali, definizione ciclo produttivo, layout prodotto);
  • progettazione produttiva;
  • studio, progettazione ed ingegnerizzazione del prototipo;
  • realizzazione firmware per macchine controllo numerico;
  • progettazione e realizzazione software solo se relativo al procedimento oggetto della domanda di brevetto o del brevetto; ✓ test di produzione;
  • rilascio certificazioni di prodotto o di processo strettamente connesse al brevetto oggetto della domanda.

Macroarea B. Organizzazione e sviluppo Sotto-servizi:

  • servizi per la progettazione organizzativa;
  • organizzazione dei processi produttivi;
  • servizi di IT Governance;
  • analisi per la definizione qualitativa e quantitativa dei nuovi mercati geografici e settoriali; ✓ definizione della strategia di comunicazione, promozione e presidio dei canali distributivi. Macroarea C. Trasferimento tecnologico Sotto-servizi:
  • predisposizione accordi di segretezza;
  • predisposizione accordi di concessione in licenza del brevetto;
  • costi dei contratti di collaborazione tra PMI e istituti di ricerca/università (accordi di ricerca sponsorizzati).

CONTRIBUTO

È prevista la concessione di un’agevolazione in conto capitale, nel rispetto della regola del de minimis, del valore massimo di € 140.000,00. Tale agevolazione non può essere superiore all’ 80% dei costi ammissibili.

PRESENTAZIONE

Le domande possono essere presentate a partire dalle ore 12:00 del 28 settembre 2021 e fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

 

SOSTEGNO IN FAVORE DELL’INDUSTRIA DEL TESSILE,

DELLA MODA E DEGLI ACCESSORI

 

OBIETTIVI DEL BANDO

Sostenere l’industria del tessile, della moda e degli accessori, con particolare riguardo alle start-up che investono nel design e nella creazione, nonché promuovere i giovani talenti del settore del tessile, della moda e degli accessori che valorizzano prodotti made in Italy di alto contenuto artistico e creativo mediante l’erogazione di

 

contributi a fondo perduto.

BENEFICIARI

Le imprese di piccola dimensione:

  • di nuova o recente costituzione
  • non quotate e che non abbiano rilevato l’attività di un’altra impresa e che non siano state costituite a seguito di fusione
  • con uno dei codici Ateco “prevalente” elencati alla pagina successiva
  • attive da non più di 5 anni
  • non avere ancora distribuito utili
  • in regola col Durc

PROGETTI AMMISSIBILI

  • progetti finalizzati alla realizzazione di nuovi elementi di design;
  • progetti finalizzati all’introduzione nell’impresa di innovazioni di processo produttivo;
  • progetti finalizzati alla realizzazione e all’utilizzo di tessuti innovativi;
  • progetti ispirati ai principi dell’economia circolare finalizzati al riciclo di materiali usati o all’utilizzo di tessuti derivanti da fonti rinnovabili;
  • progetti finalizzati all’introduzione nell’impresa di innovazioni digitali.

SPESE

AMMISSIBILI

(min. 50.000,00 e max.

200.000,00)

  • acquisto di macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica, compresa

l’installazione;

  • brevetti, programmi informatici e licenze software;
  • formazione del personale non superiore al 10% dell’importo del progetto;
  • capitale circolante, nel limite del 20% delle spese:
    • materie prime, ivi compresi i beni acquistati soggetti ad ulteriori processi di trasformazione, sussidiarie, materiali di consumo e merci; o servizi necessari allo svolgimento delle attività dell’impresa; o godimento di beni di terzi;
    • personale direttamente impiegato nella realizzazione dei progetti di investimento.
 

I progetti devono essere avviati successivamente alla data di presentazione della domanda di agevolazione ed essere ultimati entro 18 mesi dalla data del provvedimento di concessione delle agevolazioni.

CONTRIBUTO

A fondo perduto nella misura del 50% delle spese sostenute e ammissibili

SCADENZA

dalle ore 12:00 e fino alle ore 18.00 del giorno 22 settembre 2021, procedura valutativa con procedimento a sportello.

Alla pagina seguente sono

elencati i codici Ateco

ammessi.Codice

ATECO

Descrizione

13.10.00

Preparazione e filatura di fibre tessili

13.20.00

Tessitura

13.30.00

Finissaggio dei tessili, degli articoli di vestiario e attività similari

13.91.00

Fabbricazione di tessuti a maglia

13.92.10

Confezionamento di biancheria da letto, da tavola e per l’arredamento

13.92.20

Fabbricazione di articoli in materie tessili nca

13.93.00

Fabbricazione di tappeti e moquette

13.94.00

Fabbricazione di spago, corde, funi e reti

13.95.00

Fabbricazione di tessuti non tessuti e di articoli in tali materie (esclusi gli articoli di abbigliamento)

13.96.10

Fabbricazione di nastri, etichette e passamanerie di fibre tessili

13.96.20

Fabbricazione di altri articoli tessili tecnici ed industriali

13.99.10

Fabbricazione di ricami

13.99.20

Fabbricazione di tulle, pizzi e merletti

13.99.90

Fabbricazione di feltro e articoli tessili diversi

14.11.00

Confezione di abbigliamento in pelle e similpelle

14.12.00

Confezione di camici, divise ed altri indumenti da lavoro

14.13.10

Confezione in serie di abbigliamento esterno

14.13.20

Sartoria e confezione su misura di abbigliamento esterno

14.14.00

Confezione di camicie, T-shirt, corsetteria e altra biancheria intima

14.19.10

Confezioni varie e accessori per l’abbigliamento

14.19.21

Fabbricazione di calzature realizzate in materiale tessile senza suole applicate

14.19.29

Confezioni di abbigliamento sportivo o di altri indumenti particolari

14.20.00

Confezione di articoli in pelliccia

14.31.00

Fabbricazione di articoli di calzetteria in maglia

14.39.00

Fabbricazione di pullover, cardigan ed altri articoli simili a maglia

15.11.00

Preparazione e concia del cuoio e pelle; preparazione e tintura di pellicce

15.12.01

Fabbricazione di frustini e scudisci per equitazione

15.12.09

Fabbricazione di altri articoli da viaggio, borse e simili, pelletteria e selleria

15.20.10

Fabbricazione di calzature

15.20.20

Fabbricazione di parti in cuoio per calzature

16.29.11

Fabbricazione di parti in legno per calzature

16.29.12

Fabbricazione di manici di ombrelli, bastoni e simili

20.42.00

Fabbricazione di prodotti per toletta: profumi, cosmetici, saponi e simili

20.59.60

Fabbricazione di prodotti ausiliari per le industrie tessili e del cuoio

32.12.10

Fabbricazione di oggetti di gioielleria ed oreficeria in metalli preziosi o rivestiti di metalli preziosi

32.12.20

Lavorazione di pietre preziose e semipreziose per gioielleria e per uso industriale

32.13.01

Fabbricazione di cinturini metallici per orologi (esclusi quelli in metalli preziosi)

32.13.09

Fabbricazione di bigiotteria e articoli simili nca

32.50.50

Fabbricazione di armature per occhiali di qualsiasi tipo; montatura in serie di occhiali comuni

32.99.20

Fabbricazione di ombrelli, bottoni, chiusure lampo, parrucche e affini

74.10.10

Attività di design di moda

 

CREDITO D’IMPOSTA RIMANENZE DI MAGAZZINO PER COVID

BENEFICIARI

Sono le IMPRESE operanti nell’industria tessile e della moda, della produzione calzaturiera e della pelletteria (settore tessile, moda e accessori) con i seguenti codici Ateco comunicato all’Agenzia delle entrate con il modello AA7/AA9:

13.10.00 Preparazione e filatura di fibre tessili

13.20.00 Tessitura

13.30.00 Finissaggio dei tessili, degli articoli di vestiario e attività similari

13.91.00 Fabbricazione di tessuti a maglia

13.92.10 Confezionamento di biancheria da letto, da tavola e per l’arredamento

13.92.20 Fabbricazione di articoli in materie tessili nca

13.93.00 Fabbricazione di tappeti e moquette

13.94.00 Fabbricazione di spago, corde, funi e reti

13.95.00 Fabbricazione di tessuti non tessuti e di articoli in tali materie (esclusi gli articoli di abbigliamento)

13.96.10 Fabbricazione di nastri, etichette e passamanerie di fibre tessili

13.96.20 Fabbricazione di altri articoli tessili tecnici ed industriali

13.99.10 Fabbricazione di ricami

13.99.20 Fabbricazione di tulle, pizzi e merletti

13.99.90 Fabbricazione di feltro e articoli tessili diversi

14.11.00 Confezione di abbigliamento in pelle e similpelle

14.12.00 Confezione di camici, divise ed altri indumenti da lavoro

14.13.10 Confezione in serie di abbigliamento esterno

14.13.20 Sartoria e confezione su misura di abbigliamento esterno

14.14.00 Confezione di camicie, T-shirt, corsetteria e altra biancheria intima

14.19.10 Confezioni varie e accessori per l’abbigliamento

14.19.21 Fabbricazione di calzature realizzate in materiale tessile senza suole applicate

14.19.29 Confezioni di abbigliamento sportivo o di altri indumenti particolari

14.20.00 Confezione di articoli in pelliccia

14.31.00 Fabbricazione di articoli di calzetteria in maglia

14.39.00 Fabbricazione di pullover, cardigan ed altri articoli simili a maglia

15.11.00 Preparazione e concia del cuoio e pelle; preparazione e tintura di pellicce

15.12.01 Fabbricazione di frustini e scudisci per equitazione

15.12.09 Fabbricazione di altri articoli da viaggio, borse e simili, pelletteria e selleria

15.20.10 Fabbricazione di calzature

15.20.20 Fabbricazione di parti in cuoio per calzature

16.29.11 Fabbricazione di parti in legno per calzature

16.29.12 Fabbricazione di manici di ombrelli, bastoni e simili

20.42.00 Fabbricazione di prodotti per toletta: profumi, cosmetici, saponi e simili

20.59.60 Fabbricazione di prodotti ausiliari per le industrie tessili e del cuoio

32.12.10 Fabbricazione di oggetti di gioielleria e oreficeria in metalli preziosi o rivestiti di metalli preziosi

32.12.20 Lavorazione di pietre preziose e semipreziose per gioielleria e per uso industriale

32.13.01 Fabbricazione di cinturini metallici per orologi (esclusi quelli in metalli preziosi)

32.13.09 Fabbricazione di bigiotteria e articoli simili nca

32.50.50 Fabbricazione di armature per occhiali di qualsiasi tipo; montatura in serie di occhiali comuni

32.99.20 Fabbricazione di ombrelli, bottoni, chiusure lampo, parrucche e affini

AGEVOLAZIONI

Credito d’imposta pari al 30% del valore delle rimanenze finali di magazzino eccedente la media del medesimo valore registrato nei tre periodi d’imposta precedenti a quello di spettanza del beneficio. N.B.: Il metodo e i criteri applicati per la valutazione delle rimanenze finali di magazzino devono essere omogenei!

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE: Siamo in attesa del provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate che stabilirà le modalità e i termini di presentazione e il contenuto della comunicazione.

 

BANDO LARGE – UMBRIA Aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni tangibili e accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale SOGGETTI BENEFICIARI

MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE di produzione e servizi alla produzione (cod. Ateco da verificare appartenenti alle sez. C – E – F – H – J – M – N – S, escluse az. Agricole e relative attività connesse) che intendono realizzare investimenti innovativi e di transizione digitale finalizzati all’introduzione in azienda di nuovi prodotti e/o processi produttivi e all’ampliamento della capacità produttiva.

Requisiti: già costituite, iscritte nel Registro delle Imprese, in contabilità ordinaria ed attive al momento della presentazione della domanda.

MISURA DELLE AGEVOLAZIONI

AGEVOLAZIONI PER BENI MATERIALI/IMMATERIALI

REGIME ORDINARIO

REGIME ORDINARIO

ZONE ASSISTITE art.107.3.c (*)

AIUTI “DE MINIMIS“

Reg. (UE) n. 651/2014

Reg. (UE) n. 651/2014

Reg. (UE) 1407/2013

20% Micro/Piccola

30% Micro/Piccola

25% P.M.I

10% Media

20% Media

AGEVOLAZIONI PER SERVIZI DI CONSULENZA

REGIME ORDINARIO – Reg. (UE) n. 651/2014: 50%

* Zone 107.3.c: Campello sul Clitunno, Foligno, Nocera Umbria, Spoleto, Trevi.

SPESE AMMISSIBILI – IMPORTO MINIMO 150.000,00 € E MASSIMO 1.500.000,00 €:

a.) Opere murarie ed impiantistiche (elettriche e idrauliche) strettamente necessarie ai fini dell’installazione e del collegamento dei macchinari acquisiti e dei nuovi impianti produttivi.

b.1) – b.2) macchinari impianti ed attrezzature funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale delle imprese (sia Impresa 4.0 che non) e investimenti per l’implementazione della lean production;

c.1) – c.2) beni immateriali (sia Impresa 4.0, come software, sistemi e system integration, piattaforme e applicazioni, che non) esclusivamente correlati alle esigenze di automazione e gestione tecnica del ciclo produttivo, accessori rispetto a investimenti in macchinari, impianti ed attrezzature (sistemi CAD/CAM, programmi per macchine a controllo numerico o connessi all’automazione meccanica);

c.3) Brevetti ed altri diritti di proprietà industriali

d) investimenti per la digital transformation, finalizzati a:

  • introduzione/implementazione di almeno una delle 9 tecnologie abilitanti previste nel piano nazionale impresa 4.0 (internet delle cose, Big data analytics, integrazione orizzontale e verticale dei sistemi, simulazioni virtuali, robotica, cloud computing, realtà aumentata, stampanti 3d, cybersecurity);
  • adattamento e la connettività degli impianti, attrezzatura e sistemi esistenti ad almeno una delle tecnologie abilitanti previste nel piano nazionale impresa 4.0;
  • adozione di altre soluzioni tecnologiche digitali finalizzate all’ottimizzazione delle funzioni delle piattaforme e delle applicazioni digitali per la gestione dei rapporti tra componenti, relative alla progettazione, esecuzione, logistica e manutenzione;
  • adozione di soluzioni tecnologiche digitali finalizzate all’ottimizzazione dei rapporti con i clienti finali e delle attività di marketing ed export.

e. 1) – e. 2) spese di consulenza per l’introduzione, l’acquisizione e l’ottimizzazione delle tecnologie di cui ai precedenti punti b.1 b.2, c.1, c.2, d (ivi comprese spese di consulenza per la realizzazione di digital assessment e spese di consulenza finalizzate all’acquisizione di software per favorire l’integrazione di sistemi produttivi tra aziende). E’ ammesso anche il leasing.

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE: dal 13/07 al 01/10/21 (procedura a graduatoria).

 

BANDO LARGE – UMBRIA Aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni tangibili e accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale SOGGETTI BENEFICIARI

MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE di produzione e servizi alla produzione (cod. Ateco da verificare appartenenti alle sez. C – E – F – H – J – M – N – S, escluse az. Agricole e relative attività connesse) che intendono realizzare investimenti innovativi e di transizione digitale finalizzati all’introduzione in azienda di nuovi prodotti e/o processi produttivi e all’ampliamento della capacità produttiva.

Requisiti: già costituite, iscritte nel Registro delle Imprese, in contabilità ordinaria ed attive al momento della presentazione della domanda.

MISURA DELLE AGEVOLAZIONI

AGEVOLAZIONI PER BENI MATERIALI/IMMATERIALI

REGIME ORDINARIO

REGIME ORDINARIO

ZONE ASSISTITE art.107.3.c (*)

AIUTI “DE MINIMIS“

Reg. (UE) n. 651/2014

Reg. (UE) n. 651/2014

Reg. (UE) 1407/2013

20% Micro/Piccola

30% Micro/Piccola

25% P.M.I

10% Media

20% Media

AGEVOLAZIONI PER SERVIZI DI CONSULENZA

REGIME ORDINARIO – Reg. (UE) n. 651/2014: 50%

* Zone 107.3.c: Campello sul Clitunno, Foligno, Nocera Umbria, Spoleto, Trevi.

SPESE AMMISSIBILI – IMPORTO MINIMO 150.000,00 € E MASSIMO 1.500.000,00 €:

a.) Opere murarie ed impiantistiche (elettriche e idrauliche) strettamente necessarie ai fini dell’installazione e del collegamento dei macchinari acquisiti e dei nuovi impianti produttivi.

b.1) – b.2) macchinari impianti ed attrezzature funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale delle imprese (sia Impresa 4.0 che non) e investimenti per l’implementazione della lean production;

c.1) – c.2) beni immateriali (sia Impresa 4.0, come software, sistemi e system integration, piattaforme e applicazioni, che non) esclusivamente correlati alle esigenze di automazione e gestione tecnica del ciclo produttivo, accessori rispetto a investimenti in macchinari, impianti ed attrezzature (sistemi CAD/CAM, programmi per macchine a controllo numerico o connessi all’automazione meccanica);

c.3) Brevetti ed altri diritti di proprietà industriali

d) investimenti per la digital transformation, finalizzati a:

  • introduzione/implementazione di almeno una delle 9 tecnologie abilitanti previste nel piano nazionale impresa 4.0 (internet delle cose, Big data analytics, integrazione orizzontale e verticale dei sistemi, simulazioni virtuali, robotica, cloud computing, realtà aumentata, stampanti 3d, cybersecurity);
  • adattamento e la connettività degli impianti, attrezzatura e sistemi esistenti ad almeno una delle tecnologie abilitanti previste nel piano nazionale impresa 4.0;
  • adozione di altre soluzioni tecnologiche digitali finalizzate all’ottimizzazione delle funzioni delle piattaforme e delle applicazioni digitali per la gestione dei rapporti tra componenti, relative alla progettazione, esecuzione, logistica e manutenzione;
  • adozione di soluzioni tecnologiche digitali finalizzate all’ottimizzazione dei rapporti con i clienti finali e delle attività di marketing ed export.

e. 1) – e. 2) spese di consulenza per l’introduzione, l’acquisizione e l’ottimizzazione delle tecnologie di cui ai precedenti punti b.1 b.2, c.1, c.2, d (ivi comprese spese di consulenza per la realizzazione di digital assessment e spese di consulenza finalizzate all’acquisizione di software per favorire l’integrazione di sistemi produttivi tra aziende). E’ ammesso anche il leasing.

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE: dal 13/07 al 30/11/21 (procedura a graduatoria).

 

VOUCHER PER SERVIZI CONSULENZIALI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE 2020 UMBRIA

BENEFICIARI

Le PMI, i consorzi, le società consortili, le società cooperative, e i contratti di rete dotati di soggettività giuridica (rete soggetto), che, al momento della presentazione della domanda, siano in possesso dei seguenti requisiti:

  • con sede operativa in Umbria;
  • con determinati codici Ateco riferiti all’attività prevalente da verificare C – D – E – F – G – J – M – N – S; – essere regolarmente costituiti (Iscrizione alla CCIAA competente/Dichiarazione P.IVA) da almeno 1 anno ed essere attive;
  • avere almeno 2 dipendenti a tempo indeterminato.

SPESE AMMISSIBILI (MASSIMO SOLO 2 VOUCHER)

  1. Affiancamento specialistico all’internazionalizzazione (max. 20.000,00): Servizi di consulenza/assistenza finalizzati al rafforzamento, in via temporanea, delle funzioni aziendali essenziali per il processo di internazionalizzazione, tramite la disponibilità di un Temporary Export Manager (TEM) ovvero di un Digital Export Manager (DEM).
  2. Servizi specialistici per l’internazionalizzazione (max. 10.000,00) – Servizi di consulenza/assistenza finalizzati a:
    • Per assistenza legale inerente alla contrattualistica internazionale, la gestione delle controversie e recupero dei crediti con riferimento a mercati esteri,
    • consulenza fiscale su aspetti inerenti la fiscalità societaria e commerciale in contesti internazionali,
    • consulenza doganale su aspetti tecnici, legislativi e procedurali connessi all’import/export;
  3. Promozione digitale sui mercati esteri (max. 10.000,00) – Servizi di consulenza e assistenza finalizzati a:
    • Progettazione e sviluppo di show-room e vetrine virtuali, di piattaforme AR/VR Business commerce per l’export e/o consulenze per l’attivazione e iscrizione a piattaforme di ecommerce B2C o B2B esistenti,
    • Progettazione, sviluppi di sistemi e-commerce proprietari (siti e/o app mobile) finalizzati all’internazionalizzazione;
    • Progettazione, sviluppo e sostegno al posizionamento dell’offerta sui canali commerciali digitali prescelti verso i mercati esteri selezionati;
    • Adeguamento e potenziamento del sito web, portali e altri ambienti web-based in inglese o nella lingua del/i Paese/i target;
    • Ideazione e realizzazione di design e brand per la penetrazione nei mercati esteri.
  4. Servizi per l’adeguamento tecnico ai mercati internazionali (max. 10.000,00) – Servizi di consulenza/assistenza finalizzati alle seguenti attività:
    • ottenere certificazioni estere di prodotto;
    • registrazione dei diritti di privativa industriale (marchi e brevetti) all’estero;
    • ottenere certificazioni di qualità comunque conformi alle pertinenti norme Europee e che agevolano la penetrazione su determinati mercati esteri.

Tipologia Servizio

2 < Dip a Tempo Ind < 10

 

Dip a Tempo Ind >= 10

 

 

spesa max

durata

spesa max

durata

1) Supporto all’internazionalizzazione (TEM)

14.000,00

6 mesi

20.000,00

9 mesi

2) Servizi per l’internazionalizzazione

7.000,00

6 mesi

10.000,00

9 mesi

3) Promozione digitale sui mercati esteri

7.000,00

6 mesi

10.000,00

9 mesi

4) Servizi per l’adeguamento tecnico ai mercati internazionali

7.000,00

6 mesi

10.000,00

9 mesi

AGEVOLAZIONE

Contributo a fondo perduto da scegliere tra le seguenti opzioni:

    • regime ordinario: 50% per tutte le tipologie di beneficiari.
    • regime de minimis: o 60% per le imprese già esportatrici con una percentuale di fatturato export sul Fatturato totale al

2020 maggiore al 10% e inferiore al 40%; o 70% per le imprese neo-esportatrici con una percentuale di fatturato export sul Fatturato totale al 2020 inferiore o uguale al 10%.

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE: entro il 30/06/2022, salvo esaurimento delle risorse disponibili.

 

INTERNAZIONALIZZAZIONE

PARTECIPAZIONE A FIERE INTERNAZIONALI

BENEFICIARI

MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE (MPMI), compresi i consorzi, le società consortili, le società cooperative, e le “reti soggetto”, esportatrici e non esportatrici che, al momento della presentazione della domanda, siano in possesso dei requisiti di seguito indicati:

  • avere sede operativa in UMBRIA come risultante nella visura camerale,
  • essere iscritte nel Registro delle Imprese ed esercitare un’attività economica prevalente tra quelle ammesse

(elenco pubblicato – cod. Ateco PREVALENTE C – D – E – F – G – J – M – N – S);

  • essere regolarmente iscritta alla CCIAA territorialmente competente da almeno 1 anno ed essere attiva; – avere almeno n. 1 dipendente a tempo indeterminato.

PROGETTI AMMISSIBILI

I Progetti di internazionalizzazione mediante la partecipazione a 1 o più fiere INTERNAZIONALI in modalità TRADIZIONALE (IN PRESENZA) E/O DIGITALE, INDIVIDUATE LIBERAMENTE DAL PROPONENTE tra quelle svolte in Italia e all’estero nel periodo intercorrente tra il 01 settembre 2021 e il 31 dicembre 2022.

Il numero massimo delle fiere internazionali che si possono richiedere è pari a 5.

Per le fiere tradizionali (in presenza) è obbligatorio avere uno spazio espositivo minimo di 8 mq..

AGEVOLAZIONE

Il contributo a fondo perduto (de minimis) riconosciuto per la partecipazione a ciascuna fiera sarà determinato a scelta:

  • sulla base di un costo standard semplificato
  • sulla base della rendicontazione a costi reali.

Si precisa che le Fiere internazionali in modalità digitale è prevista la rendicontazione solo a costi reali.

  • Contributo per fiere tradizionali (in presenza) a Costi Standard:

TABELLA COSTO STANDARD

 

IN ITALIA

ALL’ESTERO

Contributo riconosciuto per ogni giorno di durata dell’evento (fino a un max di 5 giorni)

€ 1.600,00

(max. per ciascuna fiera

8.000,00)

€ 2.000,00

(max. per ciascuna fiera 10.000,00)

  • Contributo a Costi Reali per fiere tradizionali (in presenza) e per fiere DIGITALI:

 

IN ITALIA

IN EUROPA

EXTRA UE

Neo-esportatrici (Ft. export inf. al 10%)

60%

60%

70%

Start-up innovativa e PMI Innovativa

60%

60%

70%

Spin-off universitari

70%

70%

70%

TUTTE LE ALTRE TIPOLOGIE DI IMPRESE

50%

60%

70%

SPESE AMMISSIBILI (A COSTI REALI)

Le spese Ammissibili per le fiere tradizionali (in presenza) a costi reali sono: a. Affitto area espositiva;

b. Quote di iscrizione, quote per servizi assicurativi e altri oneri obbligatori previsti dalla manifestazione; c. Allestimento stand;

  1. Allacciamenti (energia elettrica, acqua, internet, ecc.) e pulizia stand;
  2. Iscrizione al catalogo della manifestazione;
  3. Hostess e interpreti impiegati allo stand;
  4. Brochure e materiali promozionali, anche in forma digitale (massimo il 20% della spesa totale ammissibile);
  5. costi di trasporto dei prodotti da esporre in fiera.

Le spese Ammissibili per le fiere digitali a costi reali sono:

  1. costi di iscrizione e partecipazione all’evento nonchè dei servizi offerti dall’Ente organizzatore;
  2. costi di ideazione, sviluppo e realizzazione dello stand virtuale;
  3. costi di ideazione, sviluppo e realizzazione di Cataloghi prodotti multilingue multimediale e/o brochure multimediale;
  4. Spese assicurative e di trasporto di materiale campionario connesso alle iniziative promozionali virtuali ammesse solo per materiale non destinato alla vendita;
  5. costi di aggiornamento del sito web aziendale per adattarlo alle esigenze di partecipazione all’evento (max

20% della spesa totale ammissibile);

  1. costi per attrezzatura Hw e Sw e costi di connessione per la partecipazione agli eventi on-line promossi dall’ente organizzatore (max 20% della spesa totale ammissibile).

Sia per le Fiere Tradizionali che per quelle Digitali sono ammissibili le spese, tra quelle ammesse, sostenute e/o pagate in data antecedente la presentazione della Domanda.

Spesa massima ammissibile per CIASCUNA FIERA

 

FIERE IN ITALIA

FIERE ALL’ESTERO

Fiere tradizionali (in presenza)

€ 16.000,00

€ 20.000,00

Fiere digitali

€ 10.000,00

€ 10.000,00

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE: dal 21/09/21 al 30/06/2022.

 

DANNO INDIRETTO SISMA 2016-2017 (D.L. 189 ART. 20 BIS) BENEFICIARI

Le IMPRESE, di qualsiasi dimensione, e I TITOLARI DI PARTITA IVA in possesso dei seguenti requisiti di ammissibilità:

  1. iscritte nel registro imprese con una o più unità produttive, risultanti dal Registro delle imprese, ubicate in Umbria o per i titolari di partita IVA, con luogo di esercizio dell’attività in Umbria;
  2. operatività in Umbria antecedente al 24 febbraio 2016;
  3. in caso di imprese artigiane, attività esercitata in tutti i settori (fatta eccezione per quelli dell’agricoltura primaria, della pesca e dell’acquacoltura);
  4. in caso di imprese non artigiane, attività esercitata nei settori di seguito riportati:

G 45 Commercio all’ingrosso e al dettaglio: riparazione di autoveicoli e motoveicoli

G 46 Commercio all’ingrosso (escluso quello di autoveicoli e motoveicoli)

G 47 Commercio al dettaglio (escluso quello di autoveicoli e motoveicoli)

I 55.1 Alberghi e strutture simili

I 55.2 Alloggi per vacanze e altre strutture per brevi soggiorni

I 55.3 Aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte

I 55.9 Altri alloggi

I 56.1 Ristoranti e attività di ristorazione mobile

I 56.2 Fornitura di pasti preparati (catering) e altri servizi di ristorazione

I 56.3 Bar e altri esercizi simili senza cucina

N 79.11.0 Attività delle agenzie di viaggio

N 79.12.00 Attività dei tour operator

N 79.90.11 Servizi di biglietteria per enti teatrali, sportivi ed altri eventi ricreativi e d’intrattenimento

N 79.90.19 Altri servizi di prenotazione e altre attività di assistenza turistica non svolte dalle agenzie di viaggio n.c.a.

N 79.90.20 Attività delle guide e degli accompagnatori turistici

N 83.30.00 Organizzazione di convegni e fiere

R 90.04.0 Gestione di teatri, sale da concerto e altre strutture artistiche

R 91.03.00 Gestione di luoghi e monumenti storici e attrazioni simili

R 91.04.00 Attività degli orti botanici, dei giardini zoologici e delle riserve naturali

R 93.11.10 Gestione di stadi

R 93.11.20 Gestione di piscine

R 93.11.30 Gestione di impianti sportivi polivalenti

R 93.11.90 Gestione di altri impianti sportivi n.c.a.

R 93.13.00 Gestione di palestre

R 93.19.10 Enti e organizzazioni sportive, promozione di eventi sportivi

R 93.19.91 Ricarica di bombole per attività subacquee

R 93.19.92 Attività delle guide alpine

R 93.19.99 Altre attività sportive n.c.a.

R 93.21.00 Parchi di divertimento e parchi tematici.

R 93.29.10 Discoteche, sale da ballo night club e simili

R 93.29.20 Gestione di stabilimenti balneari: marittimi, lacuali e fluviali

R 93.29.30 Sale giochi e biliardi

R 93.29.90 Altre attività di intrattenimento e di divertimento n.c.a.

S 96.04.20 Stabilimenti termali

  1. riduzione del fatturato non inferiore al 30%, determinata come differenza tra il valore conseguito nei sei mesi intercorrenti tra il 19 gennaio 2017 e il 19 luglio 2017 e il valore medio dei medesimi sei mesi del triennio precedente. In caso di imprese beneficiarie operanti in Umbria da meno di tre anni precedenti gli eventi sismici, il fatturato medio è calcolato con riferimento al periodo in cui l’impresa è stata operante.

CONTRIBUTI CONCEDIBILI

1. I contributi concedibili sono pari ad un importo non superiore:

  1. ai costi della produzione, nel limite massimo del 70% della riduzione del fatturato;
  2. ad euro 50.000,00 per singola impresa beneficiaria; per le imprese beneficiarie in possesso del rating di legalità, l’importo massimo del contributo concedibile è elevato a euro 75.000,00;

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE: ENTRO IL 30/11/21 (procedura a graduatoria).

 

PARTECIPAZIONE A FIERE E MOSTRE INTERNAZIONALI, ANCHE IN ITALIA, E MISSIONI DI SISTEMA

BANDO NAZIONALE PNRR BENEFICIARI

PMI italiane con almeno un bilancio relativo ad un esercizio completo.

SPESE AMMISSIBILI

Spese digitali connesse alla partecipazione alla fiera/mostra che dovranno rappresentare almeno il 30% delle Spese Ammissibili finanziate:

a) Spese digitali connesse alla partecipazione alla fiera/mostra (ALMENO PARI O SUPERIORI AL 30%):

  • fee di iscrizione alla manifestazione virtuale, compresi i costi per l’elaborazione del contenuto virtuale (es. stand virtuali, presentazione dell’azienda, cataloghi virtuali, eventi live streaming, webinar)
  • spese per integrazione e sviluppo digitale di piattaforme CRM;
  • spese di web design (es. landing page, pagina dedicate all’evento) e integrazione/innovazione di contenuti/funzionalità digitali anche su piattaforme già esistenti;
  • spese consulenziali in ambito digitale (es. digital manager, social media manager, digital maketing manager);
  • spese per digital marketing (es. banner video, banner sul sito ufficiale della fiera/mostra, newsletter, social network); • servizi di traduzione ed interpretariato online;

Altre spese che dovranno rappresentare non più del 70% delle Spese Ammissibili finanziate: a) Spese per area espositiva

  • Affitto area espositiva, compresi eventuali costi di iscrizione, oneri e diritti fissi obbligatori; allestimento dell’area espositiva (es. pedana, muri perimetrali, soffitto, tetto o copertura, ripostiglio);
  • arredamento dell’area espositiva (es. reception desk, tavoli, sedie, vetrine espositive, cubi espositivi, porta brochure);
  • attrezzature, supporto audio/video (es monitor, tv screen, proiettori e supporti informatici, videocamere);
  • servizio elettricità (es. allacciamento elettrico, illuminazione stand e prese elettriche per il funzionamento dei macchinari qualora presenti nello stand);
  • utenze varie;
  • servizio di pulizia dello stand;
  • costi di assicurazione;
  • compensi riconosciuti al personale incaricato dall’impresa (sia esterno che interno) per il periodo riferito all’esecuzione della fiera/mostra (compresi viaggi, soggiorni e trasferte per il raggiungimento del luogo della fiera/mostra) e/o direttamente collegati alla fiera/mostra stessa, come da idonea documentazione comprovante la spesa. Eventuali ulteriori compensi al personale incaricato dall’impresa (sia esterno che interno) sono riconosciuti nella misura massima del 10% dell’importo del finanziamento concesso;
  • servizi di traduzione ed interpretariato offline.
  1. Spese logistiche
    • Trasporto a destinazione di materiale e prodotti esposti, compreso il trasporto di campionario; • movimentazione dei macchinari/prodotti.
  2. Spese promozionali
    • Partecipazione/organizzazione di business meeting, workshop, B2B, B2C;
    • spese di pubblicità, cartellonistica e grafica per i mezzi di stampa (es. pubblicità nel catalogo ufficiale, magazine e quotidiani informativi della fiera o della mostra, a supporto dell’iniziativa, stampa specializzata, omaggistica);
    • realizzazione banner (es. poster e cartellonistica negli spazi esterni e limitrofi al centro fieristico)
    • spese di certificazione dei prodotti
  3. Spese per consulenze connesse alla partecipazione alla fiera/mostra • Consulenze esterne (es. designer/architetti, innovazione prodotti, servizi fotografici/video). Le spese sono ammesse solo dopo la comunicazione di ammissione, ed entro 12 mesi, per cui lo strumento serve per pianificare la partecipazione ad una sola fiera nel 2022.

AGEVOLAZIONE

Finanziamento a tasso agevolato (per il mese di ottobre è pari a 0,055% fisso annuo), in regime

“de minimis”, con fondo perduto, in regime di “Temporary Framework”, pari al 25% (40% per le PMI del Sud).

L’importo del finanziamento può coprire fino al 100% delle spese sostenute.

Importo massimo finanziabile: fino a € 150.000, ma comunque non superiore al 15% dei ricavi risultanti dall’ultimo bilancio approvato e depositato dall’impresa. Durata del finanziamento: 4 anni, di cui 1 di pre-ammortamento.

L’esposizione complessiva del Richiedente verso il Fondo 394/81 non potrà in ogni caso essere superiore al 50% dei ricavi medi degli ultimi due bilanci.

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE: dal 28/10 al 03/12, salvo chiusura anticipata per esaurimento fondi.

 

SVILUPPO DELL’E-COMMERCE DELLE PMI IN PAESI ESTERI

BENEFICIARI

PMI italiane, costituite in forma di società di capitali e che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi.

SPESE AMMISSIBILI a) Creazione e sviluppo di una piattaforma informatica oppure dell’utilizzo di un market place (obbligatorio sostenere almeno una delle seguenti voci di spesa)

  • creazione, acquisizione e configurazione della piattaforma
  • componenti hardware e software
  • estensioni componenti software per ampliare le funzionalità (es. software per la gestione degli ordini, circuiti di pagamento, servizi cloud, integrazioni con ERP, CRM, AI e realtà aumentata)
  • creazione e configurazione app
  • spese di avvio dell’utilizzo di un market place.

b) Investimenti per la piattaforma oppure per il market place

  • spese di hosting del dominio della piattaforma
  • fee per utilizzo della piattaforma oppure di un market place
  • spese per investimenti in sicurezza dei dati e della piattaforma
  • aggiunta di contenuti e soluzioni grafiche
  • spese per lo sviluppo del monitoraggio accessi alla piattaforma
  • spese per lo sviluppo di analisi e tracciamento dati di navigazione
  • consulenze finalizzate allo sviluppo e/o alla modifica della piattaforma
  • registrazione, omologazione e tutela del marchio
  • spese per certificazioni internazionali di prodotto

Spese promozionali e formazione relative al progetto

  • speseper l’indicizzazione della piattaforma oppure del market place
  • spese per web marketing
  • spese per comunicazione
  • formazione del personale interno adibito alla gestione/funzionamento della piattaforma. Le spese sono ammesse solo dopo la comunicazione di ammissione ed entro 12 mesi.

AGEVOLAZIONE

Finanziamento a tasso agevolato (per il mese di ottobre è pari a 0,055% fisso annuo), in regime

“de minimis”, con fondo perduto, in regime di “Temporary Framework”, pari al 25% (40% per le PMI del Sud).

L’importo del finanziamento può coprire fino al 100% delle spese sostenute.

Importo massimo finanziabile:

• Per una piattaforma propria: fino a € 300.000 e comunque non superiore al 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati dall’impresa; • Per una piattaforma di terzi: fino a € 200.000 e comunque non superiore al 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati dall’impresa.

Importo minimo pari a € 10.000.

Durata del finanziamento: 4 anni, di cui 1 di pre-ammortamento.

L’esposizione complessiva del Richiedente verso il Fondo 394/81 non potrà in ogni caso essere superiore al 50% dei ricavi medi degli ultimi due bilanci.

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE: dal 28/10 al 03/12, salvo chiusura anticipata per esaurimento fondi.

 

ENERGIA 2021

BENEFICIARI

Le PICCOLE MEDIE E GRANDI IMPRESE e i titolari di partita Iva iscritti ad albi/elenchi/ordini professionali, con almeno un’unità produttiva attiva in Umbria con uno dei codici ATECO seguenti:

B – ESTRAZIONE DI MINERALI DA CAVE E MINIERE

J – SERVIZI DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE

C – ATTIVITA’ MANIFATTURIERE

M – ATTIVITÀ PROFESSIONALI, SCIENTIFICHE E TECNICHE

F – COSTRUZIONI

N – Noleggio, Agenzie di viaggio, Servizi di supporto alle imprese

G – COMMERCIO ALL’INGROSSO, AL DETTAGLIO, RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI MOTOCICLI

P – Istruzione

H – TRASPORTO E MAGAZZINAGGIO

Q – SANITA’ E ASSISTENZA SOCIALE

I – ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI ALLOGGIO E DI RISTORAZIONE

S – ALTRE ATTIVITA’ DI SERVIZI

Sono escluse le aziende agricole e le relative attività connesse e le attività di trasformazione dei prodotti agricoli in esito alla quale il prodotto ottenuto rimanga comunque un prodotto elencato nell’Allegato I del Trattato CE.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti spese sostenute successivamente alla trasmissione della domanda di contributo:

  1. Progettazione e studi: massimo di € 10.000,00 (max. 7%);
  2. Materiali inventariabili: macchinari, impianti, attrezzature, sistemi, componenti, nonché le relative spese di montaggio e allacciamento, compresi eventuali programmi informatici di gestione degli impianti;
  3. Lavori: opere edili, strettamente connesse e dimensionate agli interventi ammissibili. L’ammontare degli investimenti ammissibili NON PUÒ ESSERE INFERIORE A € 50.000,00.

AGEVOLAZIONI

Contributo a fondo perduto da scegliere tra Regime ordinario (il contributo si calcola sul sovraccosto) o Regime de minimis (il contributo si calcola sulla spesa sostenuta):

  • investimenti delle grandi imprese: 30%;
  • investimenti delle medie imprese: 40%;
  • investimenti delle piccole imprese: 50%.

In caso di Regime ordinario, l’agevolazione può essere incrementata del 5% solo per Campello sul Clitunno, Foligno, Nocera Umbra, Spoleto, Trevi, Narni, Terni (in parte).

INTERVENTI AMMISSIBILI

Sono ammissibili a contributo gli investimenti finalizzati a perseguire un utilizzo razionale dell’energia e/o autoprodurre energia da fonte rinnovabile, quali:

  1. Interventi di riduzione dei consumi termici: Generazione dell’energia termica, Ciclo vapore e/o acqua surriscaldata, Recupero di calore, Contenimento del calore.
  2. Interventi di riduzione dei consumi elettrici: Illuminazione, Gestione della domanda, Condizionamento ambienti e refrigerazione.
  3. Interventi sull’involucro: coibentazione, infissi.
  4. Interventi sul ciclo produttivo per la riduzione di consumi elettrici/termici
  5. Altri interventi di riduzione dei consumi elettrici/termici
  6. Interventi per l’autoproduzione di energia elettrica/termica da fonti rinnovabili: impianti solari termici, sfruttamento delle biomasse legnose, solari fotovoltaici, mini-eolici.

Presentazione delle domande: entro il 30/11/2021 (procedura a graduatoria).

 

BANDO VOUCHER DIGITALI I4.0

SOGGETTI BENEFICIARI

Le Micro o Piccole o Medie imprese di tutti i settori che, alla data di presentazione della domanda e fino alla concessione e liquidazione dell’aiuto, presentino i seguenti requisiti:

  • abbiano sede legale e/o unità locali in Umbria;
  • siano in regola con il pagamento del diritto annuale camerale;
  • non abbiano forniture di servizi in corso di erogazione con la Camera di commercio dell’Umbria;
  • il titolare o il legale rappresentante abbia aderito al servizio “Cassetto Digitale dell’Imprenditore”, tramite la piattaforma www.impresa.digitale.it.

AGEVOLAZIONE (de minimis)

Contributo a fondo perduto pari al 70% delle spese, contributo massimo 7.000,00 €.

SPESE AMMISSIBILI – IMPORTO MINIMO 5.000,00 € E MASSIMO 10.000,00 €

    1. servizi di consulenza e/o formazione relativi a una o più tecnologie tra quelle dell’Elenco 1. Tali spese devono rappresentare almeno il 60% dei costi ammissibili;
    2. acquisto di beni e servizi strumentali, inclusi dispositivi e spese di connessione, funzionali all’acquisizione delle tecnologie abilitanti di cui all’Elenco 1, nel limite massimo del 40% dei costi ammissibili.

E’ obbligatorio avere spese relative almeno a una tecnologia dell’Elenco 1 – inclusa la pianificazione o progettazione dei relativi interventi – ed eventualmente una o più tecnologie dell’Elenco 2, purché propedeutiche o complementari a quelle previste all’Elenco 1. Elenco 1:

    1. robotica avanzata e collaborativa;
    2. interfaccia uomo-macchina;
    3. manifattura additiva e stampa 3D;
    4. prototipazione rapida;
    5. internet delle cose e delle macchine;
    6. cloud, fog e quantum computing;
    7. cyber security e business continuity;
    8. big data e analytics;
    9. intelligenza artificiale;
    10. blockchain (con esclusione del settore dei servizi finanziari);
    11. soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa (realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D);
    12. simulazione e sistemi cyberfisici;
    13. integrazione verticale e orizzontale;
    14. soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain;
    15. soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività (ad es. ERP, MES, PLM, SCM, CRM, incluse le tecnologie di tracciamento, ad es. RFID, barcode, etc);
    16. sistemi di e-commerce;
    17. sistemi per lo smart working e il telelavoro;
    18. soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita per favorire forme di distanziamento sociale dettate dalle misure di contenimento legate all’emergenza sanitaria da Covid-19; s) connettività a Banda Ultralarga. Elenco 2:
    19. sistemi di pagamento mobile e/o via Internet;
    20. sistemi fintech;
    21. sistemi EDI, electronic data interchange;
    22. geolocalizzazione;
    23. tecnologie per l’in-store customer experience;
    24. system integration applicata all’automazione dei processi;
    25. digital marketing: SEO, SEM, SEA, WEB ANALYTICS;
    26. soluzioni tecnologiche per la transizione ecologica.

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE: dal 25/10 al 25/11/21 (procedura valutativa a SPORTELLO).

 

 

RIEPILOGO BANDI AL 31/10/2021